Inverter guasto: possibili problemi e soluzioni

In questo articolo il nostro intento è quello di darti una panoramica sui possibili scenari che si possono presentare in caso ci si trovasse di fronte a un inverter guasto e, naturalmente, su come prevenirli. Prima di iniziare, sai già cos’è un inverter e qual è la sua funzione all’interno di un impianto fotovoltaico? L’inverter serve per convertire la corrente continua (CC) in corrente alternata (AC), che è quella che poi viene utilizzata dalle utenze domestiche. Questa è la sua funzione primaria. L’inverter può inoltre monitorare la rete collegata, proteggendo così l’impianto da sovratensioni o cortocircuiti. Regola la frequenza e la tensione dell’energia elettrica e infine è in grado di gestire la temperatura al suo interno in modo da proteggersi da solo.

Se vuoi approfondire le caratteristiche di un inverter fotovoltaico, clicca qui per leggere cosa ti serve sapere e come scegliere quello più adatto al tuo impianto.

Proprio per queste sue molteplici funzioni, l’inverter fotovoltaico rappresenta il cuore del nostro impianto ed è importante assicurarsi che non subisca danneggiamenti. Se ciò dovesse accadere, si ripercuoterebbe sulla quantità di energia prodotta e necessaria per alimentare le nostre utenze. Inoltre, come si dice? “Prevenire è meglio che curare”. Questo detto vale anche per l’inverter, in quanto la sua riparazione sarebbe sicuramente più costosa in termini economici e di tempo rispetto al suo monitoraggio costante. Non temere, in questo articolo ti mostreremo sia i danni che l’inverter può subire, ma anche le possibili soluzioni che si possono adottare nelle specifiche casistiche.

Problemi inverter fotovoltaico: ecco i più comuni

Le problematiche che si possono presentare sono diverse, ma riassumeremo qui i 4 casi più comuni.

1) Cortocircuito

Succede quando una corrente infinita scorre attraverso il circuito. Questo, in un sistema fotovoltaico, può essere causato da un collegamento errato sul circuito di corrente continua tra moduli fotovoltaici e inverter. Un ulteriore fattore scatenante del cortocircuito può essere l’umidità. Se si vive in una zona particolarmente umida o se i cavi collegati all’inverter non sono adeguatamente isolati, si potrebbe essere maggiormente a rischio di cortocircuito.

2) Isolamento

Questo problema può presentarsi nei casi in cui l’inverter fotovoltaico si trova in uno spazio angusto e con poco passaggio di aria. Questa situazione potrebbe impedire lo smaltimento del calore e causare un surriscaldamento dell’apparecchio.

3) Surriscaldamento

Questo è forse il danno più comune che può subire un inverter. Il surriscaldamento può essere causato da una potenza di lavoro troppo elevata, che può portare a delle conseguenze gravi sul funzionamento dell’inverter e di tutto l’impianto fotovoltaico.

4) Guasto alla rete

Questa casistica si verifica maggiormente se si vive in zone dove la connessione alla rete non è al massimo della sua efficienza. A seguito di un guasto alla rete, teoricamente l’inverter dovrebbe riattivarsi riprendendo la sua attività regolarmente. Gli inverter che troviamo sul mercato oggi sono progettati anche per far fronte a queste situazioni. Ciò nonostante, può capitare che non si riavvii, causando così perdite di potenza non irrilevanti.

Scopri gli inverter a portafoglio Memodo. Fai la richiesta di registrazione al sito se sei un installatore e sei interessato a conoscere i prezzi e le disponibilità.

Guasto inverter fotovoltaico: qui come prevenirlo

Ora che abbiamo elencato i rischi e i danni più diffusi a cui può essere soggetto un inverter, ti spiegheremo anche le relative soluzioni per avitare di trovarti con il tuo inverter fotovoltaico guasto. Potrai metterle in opera in autonomia o per mano di un esperto che può correre in tuo soccorso.

La pulizia dell’impianto

Mantieni sempre pulito il tuo inverter, così come l’eventuale batteria e il contatore. Questo perché la sporcizia, la muffa che si può creare con l’umidità nel tempo, le foglie ecc. possono essere causa di importanti guasti al tuo inverter. È importante prestare attenzione anche alla polvere che può depositarsi, ad esempio, sulla ventola dell’inverter, rappresentando un ostacolo alla corretta ventilazione dell’apparecchio.

Monitoraggio delle prestazioni

Un altro accorgimento da tenere in considerazione è il monitoraggio e il controllo dell’inverter fotovoltaico. Oggi tanti produttori  di inverter offrono App per smartphone o software che ti permettono di monitorare costantemente la prestazione del tuo impianto. Questo ti permette anche di rilevare un guasto non appena si presenta, perché questo comporterebbe una riduzione dell’energia prodotta e quindi mostrata nell’applicazione.

Verificare gli interruttori

Può sembrare banale, ma non è sempre scontato. È buona abitudine verificare regolarmente il corretto funzionamento dei sezionatori dell’inverter e controllare che tutti gli interruttori siano attivi. Può accadere, ad esempio, che qualche fusibile si bruci o che scatti qualche interruttore a causa di un’interruzione della corrente. In questo caso le prime cose da fare sono: verificare se è scattato internamente per eccesso di produzione di energia o se è stata coinvolta l’intera zona per qualche cantiere o lavoro in corso.

Se il guasto persiste anche a seguito dell’implementazione delle soluzioni da noi proposte, è il caso di affidarsi a uno specialista. Consigliamo quindi di rivolgersi al proprio installatore, che a sua volta potrà contattare il servizio assistenza offerto dall’azienda produttrice dell’inverter.

In breve

  • L’inverter rappresenta il cuore del nostro impianto fotovoltaico. Per questo motivo è importante assicurarsi sempre che il suo stato di salute sia in buone condizioni;
  • Cosa fare in caso di inverter guasto: diversi problemi che si presentano si potrebbero prevenire. Come, ad esempio, si può evitare l’isolamento evitando di installare l’inverter in spazi troppo ristretti o dove c’è poco passaggio d’aria;
  • Se il guasto persiste anche dopo i controlli effettuati in autonomia, l’opzione migliore è sempre quella di consultare il proprio installatore di fiducia.